Cremona e Mantova

Cremona e Mantova - Le botteghe storiche e l’arte della liuteria

Una terra di mezzo
Quella fra Mantova e Cremona è una terra di mezzo, con angoli e luoghi da esplorare e una genuinità tutta da scoprire: è la pianura nella quale scorre l’Oglio prima di confluire nel Po, ricca di piste ciclabili da percorrere costeggiando borghi, pievi e castelli.

Cremona: città della musica
Sapore in Lombardia vi porta nell’area che comprende due splendide città d’arte.
Da una parte Cremona, famosa come “città della musica”, ricca di botteghe storiche e del gusto. Qui i prodotti della terra sono così sentiti da essere celebrati anche nell’arte: Cremona custodisce il capolavoro L’Ortolano di Arcimboldo, esposto al Museo Civico.
Nel Museo Archeologico, inoltre, un’intera sezione è dedicata alla tavola e agli alimenti degli antichi Romani, all’interno della chiesa sconsacrata di San Lorenzo.
Cremona vuol dire Arte Liutaria, inserita nel 2012 nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Immateriale dell’Umanità: un’arte che può essere esplorata tra le botteghe dei liutai nel centro storico, nel nuovo Museo del Violino e nell’avveniristico Auditorium.

Mantova: Capitale italiana della Cultura 2016
Mantova, culla del Rinascimento e corte dei Gonzaga, i quali hanno lasciato un forte segno nella cultura rinascimentale e nel territorio cittadino, è Capitale italiana della Cultura 2016.
Città colma di patrimoni artistici, alcuni dei quali inseriti nei patrimoni Unesco: dal Palazzo Ducale, con gli affreschi del Mantegna, alla Rotonda di San Lorenzo fino alla Basilica di Sant’Andrea progettata da Leon Battista Alberti.

I Gonzaga: banchetti e urbanistica
I Gonzaga hanno lasciato un’impronta gastronomica e urbanistica su tutto il territorio: l’arte della loro cucina è stata definita “di principi e di popolo”, perché capace di coniugare piatti popolari con quelli più elaborati, nati dal coinvolgimento dei migliori cuochi e pasticcieri dell’epoca. Ne è testimonianza il ricco banchetto rappresentato da Giulio Romano nella Camera di Amore e Psiche, che ospitava i pranzi più solenni.
Segno forte dei Gonzaga è rintracciabile anche nell’assetto urbanistico di città come Sabbioneta, sito Unesco tra l’Oglio e il Po, che si basa sulla visione moderna e funzionale del Rinascimento.

Mangiare tra Cremona e Mantova
Il Maestro esplora le ricette ereditate da questa cucina principesca, legata alla cultura popolare e alla vita contadina e immersa in una zona schietta e gastronomicamente influenzata dai territori intorno.
La pasta ripiena ne è un esempio: se ogni regione in Italia ha la sua specialità, da un luogo all’altro della Lombardia i tortelli hanno nomi e ricette molto diverse. Ecco i famosi tortelli di zucca con amaretti e mostarda, qui nella ricetta di Vera Caffini Vera e Giorgio Bini, preparati con la tipica zucca dolce mantovana e il Grana Padano.
Si continua con una fetta di sbrisolona, la torta friabile simbolo della pasticceria mantovana che il Maestro racconta nella sua versione classica con zucchero e mandorle.
Ci si sposta poi a Isola Dovarese, in provincia di Cremona: qui Franco Malinverno sorprende il Maestro con i Marubini e un luccio bollito in acqua aromatizzata con vino e aceto, sedano, cipolla, pepe in grani, limone e sale, condito con una salsa ottenuta mixando olio, capperi, acciughe, peperone rosso e giallo e prezzemolo.

ContinuaChiudi

Le nostre ricette
Gli incontri
  • L’Ortolano di Arcimboldo
    Ortolano Arcimboldo - Sapore-#inLombardia
    Il Museo Ala Ponzone di Cremona conserva, fra le altre cose, il capolavoro spiritoso e grottesco di Giuseppe Arcimboldo. Scopriamolo insieme a Beba Marsano e al Maestro.
  • Palazzo Te a Mantova
    Palazzo Te - Sapore-#inLombardia
    La storia e lo sfarzo dei Gonzaga nel celebre complesso mantovano, oggi sede del museo civico e di numerose mostre. Esploriamo la Camera di Amore e Psiche di Giulio Romano, addentrandoci nella cultura del banchetto rinascimentale.
  • Museo del Violino di Cremona
    Museo del Violino - Cremona
    Visita al Museo del Violino di Cremona, alla scoperta della più importante e longeva scuola di liuteria al mondo, passando da Stradivari alle eccellenze gastronomiche locali.
  • Museo Archeologico di Cremona
    Museo Archeologico - Cremona
    Curiosando nel Museo Archeologico di Cremona, con Beba Marsano e Gualtiero Marchesi, presso la chiesa basilicale di San Lorenzo.
  • Tradizione dolciaria cremonese
    Negozio dolci - Cremona - 2
    Ampia ed eccelsa è la tradizione dolciaria in quel di Cremona, fra torrone, mostarda e torta sbrisolona. Gualtiero Marchesi lo sa bene e fa un giro in centro con Beba Marsano tra pasticcerie e negozi tipici.
  • Isola Dovarese lungo l’Oglio
    Isola Dovarese - Mantova
    La passeggiata di Gualtiero Marchesi in quel di Isola Dovarese, provincia di Cremona, fra il Parco Oglio Sud e Palazzo Quaranta nello splendido centro storico.
  • Palazzo Castiglioni a Mantova
    Palazzo Castiglioni - Mantova
    Il Maestro Gualtiero Marchesi visita e ammira le bellezze dello storico palazzo mantovano, affacciato sulla splendida Piazza Sordello.
  • Salumeria storica a Mantova
    Salumeria - Mantova
    Immergiamoci nei colori e sapori di una storica salumeria mantovana, fra squisiti salami e ottimi formaggi della zona, in compagnia del Maestro Gualtiero Marchesi.

i nostri prodotti

  • Luccio_Sapore_#Inlombardia
    Il luccio

    Il luccio è un pesce d’acqua dolce, dalle carni asciutte, che può raggiungere grandi dimensioni: è protagonista di numerose ricette nel cremonese, mantovano e nella zona dell’Oglio Sud in genere e viene spesso preparato in umido o in salsa.

  • Mostarda_Sapore_#Inlombardia
    Mostarda di Cremona

    Prodotto a base di frutta, zucchero ed essenza di senape, quella cremonese è fra le più note ed apprezzate. Diventata famosa nell’Ottocento, grazie anche a Giuseppe Verdi che era solito regalarla agli amici. Dal gusto deciso, si abbina ottimamente a carni lessate e bolliti.

  • Sbrisolona_Sapore_#Inlombardia
    Torta sbrisolona

    Storico dolce della tradizione lombarda, presente anche sulla tavola dei Gonzaga e dalla particolare consistenza friabile - il nome deriva proprio da brìsa, che in mantovano vuol dire briciola. È a base di mandorle, burro, uova e scorza di limone.

  • Torrone_Sapore_#Inlombardia
    Il torrone di Cremona

    Il torrone è il dolce tipico di Cremona: pochi ingredienti di qualità, mandorle o nocciole, per un sapore unico. Quello di Cremona è un prodotto IGP, e si distingue in due tipi: classico e tenero – il primo ha una maggiore quantità di albume nell’impasto. Si presenta bianco avvolto nelle ostie oppure ricoperto di cioccolato fondente.

  • Zucca_Sapore_#inLombardia
    Zucca di Mantova

    Coltivata nella Bassa mantovana, la varietà locale di zucca è caratterizzata dalle grandi dimensioni, dalla polpa color arancio vivo, soda e compatta, dalla buccia molto spessa verde con striature e dall'elevata componente zuccherina.